Crea sito

Quali gli impegni 2007--2008
Il progetto 2007-2008 si articola in sei punti: la costruzione di un mulino, l’attivazione di undici corsi di scuola al femminile, la concessione di microcrediti per l’inizio di nuove attività, l’assegnazione di cento borse di studio per ragazzi meritevoli, il finanziamento di una mensa per 130 bambini, il sostegno alla raccolta dei rifiuti. Il valore complessivo raggiunge i 100 000 euro tra materiale e denaro.
Un bilancio dettagliato del progetto, con tutta la documentazione e le fatture allegate, viene inviato alla Regione Piemonte, che, in base alla validità delle proposte, concede i contributi: tra il 2007-2008 sono stati intorno ai 22.000 euro, cui si aggiunsero i 7500 versati dall’Amministrazione Comunale di Vinovo.
 

TRE FONTANE E TRE MULINI

ACQUA PULITA E FARINA

Nei quartieri poveridi Grand Bassaml'acqua potabile non arriva e viene utilizzata quella della laguna, con gravi problemi igienici .Negli anni 2002 -2004 abbiamo costruito tre fontane,collegate all'acquedotto: ora in tre quartieri è possibile attingere acqua potabile per usi domestici con una modica cifra. La manioca è l'alimento principale: per le donne pestarne la radice per ottenere della farina è sempre stato un lavoro faticoso: grazie ai tre mulini realizzati e situati nei villaggidi periferia, ora questa operazione è molto semplicee consente di avere più tempo da dedicare ad altri lavori nell'agricoltura, nei servizi e nel commercio

 

 

Le fontane e i mulini sono gestiti dagli stessi abitanti della zona: per utilizzarli si paga una piccola quota che serve ad affrontare le spese di gestione e di manutenzione

IMPARARE PER ESSERE LIBERE

ALFABATIZZAZIONE FEMMINILE

Anche in Costa d’Avorio, come in gran parte dell’Africa ,le bambine e le ragazze hanno difficoltà a frequentare le scuole.Abbiamo perciò iniziato nel 2003 con l’istituzione di due corsi, ognuno dei quali rivolto a 25 giovani mamme e donne. Attualmente i corsi sono diventati undici, per untotale di 275 persone frequentanti, e la richiesta di nuove iscrizioni è costante .Il gruppo Vinovo for Africa fornisce il materiale didattico, paga l’affitto dei locali e lo stipendio agli insegnanti. Le lezioni generalmente si svolgono in orario serale e la frequenza è assidua e veramente entusiasta. La partecipazione all’anno scolastico permette alle donne di prendere parte ai successivi corsi di economia pratica, necessari ad ottenere i microcrediti per iniziareattività lavorative in proprio

UNA MENSA PER I BAMBINI DI STRADA

Nel 2004 ci è stato richiesto di contribuire alla realizzazione di una mensa scolastica per i bambini che non
avendo i soldi (circa 30 centesimi di euro) per pagare la mensa della scuola non frequentavano più le lezioni pomeridiane. Questi bambini oltre a perdere un’occasione educativa dovevano anche “arrangiarsi” per il pasto quotidiano. Attualmente sono circa 130 i bambini che per 10 mesi all’anno mangiano in mensa il loro pasto principale: un sostanzioso piatto unico, fatto di riso o spaghetti con pesce, e frutta di stagione.

 

 

La coda per il pasto:

la mensa e’ un grande stimolo per la frequenza alle lezioni!

 

 GRAZIE AI MICROCREDITI TANTE NUOVE PICCOLE IMPRESE

Per avviare una nuova attività nel settore dell’artigianato, del commercio e dell’industria occorre sempre un capitale iniziale. Il nostro progetto prevede la concessione di circa venti microcrediti ogni anno (del valore di qualche centinaio di euro ciascuno) a donne o gruppi di donne che presentino proposte realizzabili. Le persone selezionate devono frequentare lezioni di economia pratica sul bilancio e sulla gestione dell’azienda, e poi vengono accompagnate nell’acquisto dei materiali e delle attrezzature necessarie. Man mano che l’attività procede, il denaro ricevuto in prestito deve essere restituito, in modo da poter finanziare altre iniziative di microcredito. Le attività più frequenti sono: bancarelle al mercato, attività di bar e ristorazione, allevamenti e orticultura, piccolo artigianato e in particolare sartoria e tessitura.

 Una delle microimprese più riuscite e’ questa sartoria, che ha assunto quattro ragazze e una persona diversamente abile. Qui ad esempio si producono tutte le 200 divise dei ragazzi con borsa di studio
 

 ESCAPE='HTML'

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI CON PALE E CARRETTI

In gran parte dei quartieri periferici di Grand Bassam non esisteva la raccolta dei rifiuti, con tutte le relative
conseguenze di carattere igienico-sanitario. Il primo intervento è stata la costituzione di una cooperativa di giovani, a cui veniva corrisposto un piccolo stipendio per tenere pulite le strade. Ogni operatore doveva curare una zona definita e aveva in dotazione carretti, scope e badili. Anche in questo caso la situazione si è evoluta molto positivamente.

In gran parte dei quartieri periferici di Grand Bassam non esisteva la raccolta dei rifiuti, con tutte le relative conseguenze di carattere igienico-sanitario. Il primo intervento è stata la costituzione di una cooperativa di giovani, a cui veniva corrisposto un piccolo stipendio per tenere pulite le strade. Ogni operatore doveva curare una zona definita e aveva in dotazione carretti, scope e badili. Anche in questo caso la situazione si è evoluta molto positivamente ESCAPE='HTML'

La cerimonia per la consegna degli attrezzi ai giovani della cooperativa

UN'INFERMERIA E DUE AMBULANZE: IL DIRITTO ALLA SALUTE

Nel villaggio di Vitré da anni era inutilizzato un locale-infermeria. Nel 2005 con il contributo di Vinovo for Africa èstato recuperato e rimesso in funzione: adesso un infermiere e un medico si alternano nei giorni stabiliti per lacura degli ammalati. La Croce Verde di Torino ci ha donato due ambulanze. Grazie al lavoro di due autofficine vinovesi, le macchine sono state perfettamente revisionate; fornite degli accessori adeguati, sono state quindi inviate in Costa d’Avorio: una è al servizio dell’Ospedale cittadino, l’altra è stata destinata al trasporto delle partorienti con problemi.

 ESCAPE='HTML'

180 BORSE DI STUDIO PER POTER ANDARE A SCUOLA

In Costa d'Avorio la freguenza alle scuole dell'obbligo e̿ gratuita, ma occorre avere un kit di materiali: due divise, libri, quaderni, penne ... I corsi iniziano a meta̿ settembre, e molti ogni anno smettono di studiare perché non possono permettersi questi strumenti di base. Tra costoro ne sono stati individuati 180 particolarmente preparati̿ e meritevoli, e, nell'ottobre 2007, durante una grande testa, il Sindaco di Grand Bassam e il Responsabile del Gruppo Abele hanno consegnato loro le borse di studio perché possano continuare la loro istruzione.
Ricordiamo che le 360 divise (una per il lavoro in classe e una di rappresentanza) sono state confezionate da un laboratorio di sartoria awiato grazie a un microcredito.